Duomo di Milano live webcam
Veduta sul Duomo di Milano, la Galleria e la statua equestre di Vittorio Emanuele II

Duomo di Milano

Senza dubbio uno dei simboli più belli e prestigiosi d'Italia, tra i monumenti più spettacolari al mondo, il Duomo di Milano è la terza chiesa cattolica più grande al mondo, un must per chi visita la penisola e un vanto per i milanesi stessi che lo ammirano ogni giorno estasiati.

Il Duomo è situato nell'omonima piazza ove un tempo sorgevano la Cattedrale di Santa Maria Maggiore e la Basilica di Santa Tecla, in seguito a crolli e danneggiamenti l'arcivescovo Antonio de' Saluzzi ebbe l'idea di costruire una nuova più grande cattedrale al posto dei due edifici religiosi; dal 1386 si iniziò la costruzione di quest'opera grandiosa che doveva originariamente essere costruita con mattoni, in seguito si optò per il marmo di Candoglia per dare ancora più prestigio all'edificio, il quale, vista la complessità dell'architettura e della scultura, interessò secoli di arte italiana e un numero elevatissimo di artisti e studiosi, nonché rifacimenti e ripensamenti, che lo portarono ad essere il frutto di secoli e secoli di stili e tendenze diversi senza un preciso schema stilistico che tuttavia si avvicinò alla fine a quello gotico, inconfondibile infatti nella verticalità delle linee.

La pianta è a croce latina, 5 sono le navate con 6 contrafforti sormontati da guglie, 4 pilastri centrali; la meravigliosa facciata cominciò a vedere la luce verso la fine del XVI sec. tutti gli elementi architettonici sono splendidamente decorati, gli interni ospitano dei veri e propri capolavori di infinita bellezza e raffinatezza, la grande quantità di sculture, che toccano i secoli tra il XIV e il XX, è poi veramente impressionante, così come la presenza di porte meravigliose e di ben 55 vetrate monumentali (XIV-XX sec.); e poi gli altari e l'altare maggiore con l'ampio presbiterio e le cappelle sono delle vere opere d'arte, le statue all'esterno sono sparse ovunque, sulle mensole delle finestre, sui contrafforti, i 'giganti' in alto, sulle guglie, nelle nicchie, inoltre gli oggetti più preziosi, di inestimabile valore accumulati per secoli, sono custoditi nel Tesoro del Duomo. Nonostante i diversi stili e le diverse tendenze che ha seguito, il Duomo si presenta come un organismo ben organizzato dove tutti gli elementi architettonici e stilistici s'intersecano tra di loro in modo armonioso e compatto, spesso tuttavia fu oggetto di vari lavori di rifacimento come quelli che seguirono al crollo del campanile o quelli per il completamento delle guglie e delle decorazioni, in seguito ai bombardamenti della II Guerra Mondiale o per lavori di manutenzione e restauro soprattutto nel corso del '900.

Nel sotterraneo del Duomo si trova il piano del calpestio (IV sec.) dove si trovano i resti del Battistero di San Giovanni alle Fonti e della Basilica di Santa Tecla (IV sec.), dalle terrazze, invece, si può godere di uno straordinario panorama che dalla città si estende fino alle Alpi e una veduta ravvicinata delle statue e delle guglie; meravigliosa è la guglia Carelli, la più antica del Duomo (fine XIV e inizio XV sec.).

Forse l'elemento a cui non solo i milanesi ma anche tutti i turisti sono maggiormente legati è la Madonnina (4,16 m.), opera in rame dorato dello scultore Giuseppe Perego e dell'orafo Giuseppe Bini, la cui inaugurazione risale al 30 dicembre 1774; con lo sguardo rivolto verso il cielo implorando pietà, la statua è posta sul punto più alto della chiesa, tradizione vuole che nessun edificio a Milano superi in altezza la Madonnina (108,5 m.) in segno di rispetto e devozione.

La gestione e la manutenzione del Duomo sono da sempre affidate alla Veneranda Fabbrica, sin dal lontano 1387, quando nacque l'ente grazie a Gian Galeazzo Visconti, Signore di Milano, dietro l'esigenza di avere una struttura che seguisse costantemente i lavori di progettazione e costruzione, nel corso dei secoli si è rafforzata sempre più, oggi è una realtà davvero importante.

Il Duomo è prima di tutto luogo di preghiera e raccoglimento spirituale dove l'attività liturgica è in continuo fermento ma è anche teatro di una grande quantità di eventi che hanno luogo nel corso di tutto l'anno, meravigliosa è la Cappella Musicale del Duomo, la più antica istituzione culturale di Milano e tra le più antiche al mondo, svolge la propria attività ininterrottamente dal 1402. Inoltre il fatto che si trovi al centro di Piazza Duomo, dove si può inoltre ammirare anche il monumento equestre a Vittorio Emanuele, accanto alla Galleria Vittorio Emanuele II e quasi circondato da edifici importanti lo inserisce ancor di più nella fervente attività artistica e culturale milanese.

Webcam attiva dal: 24/12/2014

Commenti

  • avatar
    • 1 minuto fa
    • Darling

    Se leggete attentamente ciò che è stato scritto, gli imbecilli e idioti non sono certo quelli che hanno giustamente manifestato in tutta Italia ma quelli che continuano ad affermare che il COVID è una bugia e che siamo stati presi tutti per i fondelli. Anche le migliaia di morti sono finti????? Direi proprio di no!

  • avatar
    • 1 ora fa
    • roberta

    Sorridi Franco Tricomi,tu che hai il coraggio di mettere il tuo nome e cognome davanti alle tue oneste e sacrosante parole...siamo una democrazia,non facciamoci intimorire da quei codardi egoisti sostenitori di muri assurdi come il nome dietro cui si nascondono..i dittatori non hanno mai fatto una bella fine..sorridi è il 3 giugno e l'Italia ritorna libera almeno di muoversi e chi ha tanto parlato e scritto x nulla ci fa solo tanta tristezza,hai ragione,x la meschina figura che ha fatto..

  • avatar
    • 1 ora fa
    • franco tricomi

    Ore 12,27 del 3 giugno 2020. Iseo, veduta su Piazza Garibaldi; Verona - Liston, Thiene - Vicenza; Corso Vannucci a Perugia; Piazza Duomo e Palazzo del Comune di Cefalù. Queste sono alcune webcam con vista "tavoli" di bar e ristoranti. Nessun cliente. Eindhoven, veduta su Piazza Markt dal De Wildeman Cafè, stessa tipologia di webcam, locale pieno e nessuno porta la mascherina nemmeno i camerieri. Ma è ovvio, in Olanda sono tutti "imbecilli" ed "idioti" e presto ne pagheranno le conseguenze. Mentre in Italia, popolo di santi poeti navigatori, oggi anche di virologi mediatici (lautamente pagati e forse con conflitti di interesse) siamo tutti buoni e bravi, in fila per tre con il resto di due.

  • avatar
    • 2 ore fa
    • franco tricomi

    Non sono tra coloro che manifestano, ma hanno tutta la mia solidarietà gli "imbecilli" e "idioti" che scendono in piazza perché da mesi non guadagnano nulla nè hanno entrate sicure dopo aver subito il lockdown più lungo e più duro di tutti i paesi del mondo, a differenza di molti che egoisticamente scrivono mentre stanno comodamente seduti a casa. Il mio rammarico è grande perché chi ingenerosamente critica è gente colta ed intelligente.

  • avatar
    • 2 ore fa
    • clarissa

    forza grande Milano...non mollare....

  • avatar
    • 7 ore fa
    • Graziano

    FORZA MILANO. NON PERDERTI D’ANIMO. DEVI TRAINARE IL PAESE.NON C’È TEMPO DA PERDERE.

  • avatar
    • 18 ore fa
    • danilo

    temporalone su Milano adesso! click

  • avatar
    • 22 ore fa
    • Darling

    Hai ragione principe, quello che purtroppo è successo in Lombardia e nel resto del nostro Paese sappiamo tutti benissimo che non è colpa vostra. Gli assembramenti che vedo da nord a sud sono invece opera di grandi imbecilli e idioti. Magari fosse stata una bugia, il Covid; non avremmo avuto tutti questi morti.

  • avatar
    • 1 giorno fa
    • principe

    tutti critici verso noi lombardi.......vabbè,tante teste tante idee ed io accetto anche le idee di tutti anche se non sono come le mie.....
    Milano era invasa qualche giorno fa da manifestanti folli che inneggiavano al covid come una bugia ed oggi vedo che a Roma vi è una manifestazione diversa da Milano ma con migliaia di persone con mascherine abbassate....
    Bò,non ho parole..........

  • avatar
    • 2 giorni fa
    • Patrizia

    Ugo, io avevo scritto praticamente quello,tu avevi letto il mio commento????

  • avatar
    • 2 giorni fa
    • franco tricomi

    @ Michele Triolo, da aggiungere ai contagiati anche un pescepalla preso a calci da un cittadino lombardo positivo al tampone

  • avatar
    • 2 giorni fa
    • Ugo

    @Patrizia
    Se non ci fosse la censura, l'opinione pubblica vivrebbe nel caos!
    @Titta
    Il virus non si è attenuato o altro,il virus grazie alle mascherine ed al distanziamento sociale con tutti in nessi e connessi riguardo alle norme igieniche adoperate da noi e dagli esercenti se lo prendiamo ci infettiamo in maniera meno virulenta.
    Un conto è parlare avere contatti verbali con un contagiato ed avere entrambi la mascherina e un conto è il contrario.
    Poi il clima magari gioca un ruolo favorevole!

  • avatar
    • 3 giorni fa
    • Darling

    La frase detta dal primario porta le persone a credere che d'ora in poi si può fare tutto e si vede quello che sta succedendo in tutta Italia. Mi viene in mente quel Carosello di tanti anni fa dove Francesco Mulè diceva "La pancia non c'è più, la pancia non c'è più!!!". Qui non si tratta di pancia....

  • avatar
    • 3 giorni fa
    • Darling

    Tanta gente ha parlato a sproposito in questo periodo e continua a farlo, anche in questo momento in TV. Io continuo a sentirmi presa per i fondelli, da tutti!

  • avatar
    • 3 giorni fa
    • Michele Triolo

    @Darling @Tatti infatti oggi, 31 maggio, 416 nuovi casi con il 59% solo in lombardia... l'ottimismo vola...

  • avatar
    • 3 giorni fa
    • Titta

    Non credo che il primario del San Raffaele parli a spoposito. Se ha un ruolo notevole e conosce bene la situazione che c"e'stata nelle terapie intensive fino a poche settimane fa significa che la situazione è veramente migliorata. Infatti dice che ora il virus non esiste più in quanto le terapie intensiva sI sono svuotate.Non lo dice un Pinco pallino qualunque.