Cima Grappa live webcamVeduta del Sacrario Militare del Monte Grappa

Commenti

  • avatar
    • 1 mese fa
    • aquilasolitaria

    Finalmente qualche luce nel buio della notte :- grazie !

  • avatar
    • 3 mesi fa
    • paolo

    Ore 6,30, stupenda sfilata di sei esemplari di caprioli,24/05/2017

  • avatar
    • 4 mesi fa
    • vito

    rivoglio piazza san marco :(

  • avatar
    • 6 mesi fa
    • dino

    finalmente una bella nevicata

  • avatar
    • 7 mesi fa
    • aquilasolitaria

    Di notte ....una luce non sarebbe niente male .-

  • avatar
    • 7 mesi fa
    • Walter

    Perché di giorno ha cima Grappa la webcam e spenta? peccato si poteva vedere la nevicata!

  • avatar
    • 8 mesi fa
    • ConteDracula1431.82TR

    Hai visto Darling viaggio di piu di un rappresentante ahahahaha!

  • avatar
    • 8 mesi fa
    • Darling

    Dracula, anche qui ti trovo!!!!!

  • avatar
    • 8 mesi fa
    • ConteDracula1431.82TR

    Ma si dai andiamo sul grappa a farci un bel grappino che c'e' il sole! :)

  • avatar
    • 10 mesi fa
    • Giorgio

    Che bella nevicata!!

  • avatar
    • 1 anno fa
    • Rosita

    Gli stambecchi: che magia!!!

  • avatar
    • 1 anno fa
    • nicola

    bella questa ivasione di ciclisti (Extreme Bike)

  • avatar
    • 1 anno fa
    • Stefano

    Grappa n1 due giorni fa ho raggiunto la cima in bici!!!
    Meraviglioso!!!!!!

  • avatar
    • 1 anno fa
    • raffaele

    nevica !!!!!
    è sempre magnifico veder nevicare sul grappa

Cima Grappa

Nell'immaginario collettivo questo antichissimo e meraviglioso monte (Cima Grappa è la cima più alta, 1775 m.) delle Prealpi Venete, tra le valli dei fiumi Brenta e Piave, è legato ai drammatici conflitti bellici del XX sec. che l'hanno reso tristemente famoso ma che non ne hanno tuttavia offuscato il fascino, dalle sue cime è possibile godere infatti di panoramiche eccezionali che vanno dalla Pianura Padana alle distese dolomitiche e, in condizioni ottimali, alla Laguna di Venezia.

Quasi nulla si sa degli eventi verificatisi nel tempo trascorso dalla nascita fino al 1901 quando il cardinale Sarto, in seguito Papa Pio X, vi benedì la Madonnina del Grappa, danneggiata in seguito dai bombardamenti; fu soprattutto durante la I Guerra Mondiale che Cima Grappa divenne un'importante area per la difesa italiana e purtroppo anche terreno di morte per migliaia di soldati italiani ed austroungarici, in parte riconosciuti in parte ignoti, in onore dei quali nel dopoguerra venne eretto l'imponente Sacrario Militare con i resti di tutti i caduti in guerra, la struttura ospita anche le spoglie del Maresciallo Giardino, il quale espresse in punto di morte il desiderio di riposare qui; il monumento risale al 1935 su progetto dell'architetto Giovanni Greppi e dello scultore Giannino Castiglioni, è composto da un corpo centrale che si erge su un basamento costituito da cinque cerchi concentrici separati gli uni dagli altri da corridoi larghi circa 10 m. ma collegati da un'ampia gradinata centrale che arriva fino alla sommità dove sorge un sacello circolare con il Tempietto della Madonnina, dal piazzale si dirama la Via Eroica che documenta i luoghi teatro delle battaglie a difesa del territorio, essa porta al Portale Roma; tutto ciò contribuisce a renderlo una vera e propria meta di pellegrinaggio, soprattutto la prima domenica di Agosto quando la struttura, scavata nella roccia della montagna, diventa ancora più suggestiva; nel museo ivi allestito è possibile toccare con mano quel che ci riporta a quegli anni terribili, ammirare foto antiche, visionare documenti importanti; ulteriore testimonianza dell'atrocità della guerra è la Strada Cadorna che porta al Sacrario e quindi alla sommità del massiccio.

Durante il secondo conflitto mondiale il Monte Grappa fu il luogo ideale per i partigiani antifascisti a protezione della Valsugana, anche il loro sacrificio viene ricordato con il Monumento al Partigiano, una statua in bronzo posta vicino al Sacrario, altri punti di particolare interesse sono l'Osservatorio ricavato sopra il Portale Roma, la Galleria Vittorio Emanuele III e quel che resta di una ex Base Radar-Missilistica della Nato oggi importante reperto di archeologia contemporanea.

Webcam attiva dal: 05/06/2013