Castello di Gorizia live webcam
Vista della città di Gorizia con il Castello sullo sfondo

Castello di Gorizia

Questa meravigliosa fortificazione pentagonale risalente all'XI sec. domina dal colle l'intera città di Gorizia offrendo una spettacolare vista panoramica; ai suoi piedi sorgeva presumibilmente un antico borgo in cui si svolgevano le funzioni amministrative e giudiziarie della Contea e che rappresentava, inoltre, un'ulteriore difesa a possibili attacchi esterni.
Ricca e travagliata è la sua storia, nel corso dei secoli venne più volte ampliata, rimaneggiata, restaurata in base alla situazione storico-politica del momento.
Dopo un periodo in cui fu sotto il controllo di vari conti, passò sotto la dominazione asburgica e per un brevissimo periodo (circa un anno) sotto quella veneziana. Proprio durante questo periodo, il Castello subì un'ulteriore opera di fortificazione per essere meglio adattato all'età rinascimentale. Negli anni successivi fu adibito a carcere e a caserma perdendo buona parte del suo aspetto medievale, soprattutto nell'XVIII sec. quando furono eseguiti vari lavori di rifacimento con l'aggiunta di svariate opere difensive, i lavori furono diretti dal celebre ingegnere, astronomo e matematico Edmond Halley, padre scopritore dell'omonima cometa. L'avvento della Prima Guerra Mondiale fu disastroso per il Castello, che fu semi-distrutto dai bombardamenti, solo dal 1934 al 1937 fu oggetto di ricostruzione grazie alla stretta collaborazione tra l'architetto Ferdinando Forlati, la Sovrintendenza delle Belle Arti di Trieste e il Genio Militare, l'obiettivo era al contempo quello di restituire al Castello il suo aspetto medievale originale.
Il Castello si raggiunge attraverso la Porta Leopoldina (1660) omaggio in onore della visita dell'Imperatore Leopoldo d'Asburgo; al suo ingresso domina il Leone di San Marco, simbolo indiscusso della Serenissima Repubblica di Venezia; il Castello è un'affascinante testimonianza del potere signorile, il cuore del complesso è la Corte dei Lanzi (le guardie giurate al servizio dei signori) che ancora presenta le fondamenta dell'antica torre dalla quale è possibile ammirare il Palazzetto dei Conti (XIII sec.) con la Cappella Palatina dedicata a San Bartolomeo e il Granaio e il Palazzo degli Stati Provinciali (tra il XV e il XVI sec.) dove è possibile visitare una mostra permanente dedicata agli strumenti musicali perduti, tutti perfettamente funzionanti; il Palazzetto Veneto è invece risalente al periodo tra il XVI e il XVII sec. Davvero emozionante è visitare la piccola sala da pranzo e la cucina ancora completi di stoviglie risalenti al periodo tardo-rinascimentale, la Sala dei Cavalieri ricca di armi utilizzate nella Contea di Gorizia tra l'XI e il XVI sec. e la Sala della Musica che presenta perfette riproduzioni di strumenti musicali risalenti addirittura al Medioevo. 
Il Castello è oggi sede del Museo del Medioevo Goriziano che ospita, tra le altre cose, una fedele ricostruzione di armi, suppellettili e macchine da guerra, e svariate attività culturali nel corso dell'anno. Ma non è finita qui...altri musei sono raccolti nel Borgo Castello. Sulla collina intorno si estende un meraviglioso parco, è consigliabile percorrere anche il Cammino di Ronda da cui si può apprezzare il Castello dai lati esterni e ammirare la bellezza della zona circostante.

Webcam attiva dal: 05/11/2011

Commenti