Rose Bay - Sydney live webcam

Veduta di Rose Bay nell'Eastern Suburb a Sydney

Commenti

  • avatar
    • 7 mesi fa
    • Boccadirosa

    Spenti gli incendi in Australia, bruciata un’area grande un terzo dell’Italia.
    Per la prima volta da novembre 2019, lo Stato del Nuovo Galles del Sud, il più colpito dagli incendi che per circa 4 mesi hanno devastato l’Australia, ha dichiarato che l’emergenza sarebbe cessata . il bilancio è disastroso: oltre 30 persone e oltre 1 miliardo di animali morti. Preoccupano i koala: hanno subìto una perdita «sostanziale» di habitat e richiedono un «intervento di emergenza»

  • avatar
    • 7 mesi fa
    • Boccadirosa

    Ciao, Manuela, no non sono finiti. Leggi ciò che ho trovato
    "Gli enormi incendi che da settimane sono in corso in diverse aree dell’Australia hanno bruciato quasi duemila case, causato la morte di 25 persone e bruciato più di 6,3 milioni di ettari di terra, un’area grande circa un quinto dell’Italia. Rispetto a inizio anno, in questi giorni la situazione è lievemente migliorata, grazie alle operazioni di contenimento delle fiamme – in certi casi alte diverse decine di metri – e soprattutto grazie alla pioggia. Ma a cominciare dal fine settimana le piogge finiranno, le temperature torneranno a salire e la situazione potrebbe diventare ancora più grave. Si teme, per esempio, che alcuni dei circa 200 incendi attivi al momento possano unirsi tra loro. Per di più, in Australia gennaio e febbraio sono i mesi estivi più caldi, in cui le temperature raggiungono i loro massimi: gli incendi potrebbero andare avanti insomma per diverse altre settimane."

  • avatar
    • 7 mesi fa
    • manuela

    Ma gli incendi che fina hanno fatto? Sono finiti?

  • avatar
    • 8 mesi fa
    • Tango

    la mia nipotina e' in australia vicino a Melbourne gia' da tre mesi la sentiamo tutti i giorni ,li il disagio del fumo non e' arrivato ,

  • avatar
    • 8 mesi fa
    • Darling

    Stavo giusto per scrivere gli altri due flagelli che hanno colpito l'Australia ma mi hai preceduto, cara Boccadirosa. Davvero prove terribili per questo immenso continente!

  • avatar
    • 8 mesi fa
    • Boccadirosa

    Non c'è pace per l'Australia: Dopo tanti mesi di assoluta siccità il tempo sta completamente cambiando e dopo la pioggia accolta da tutti con entusiasmo, ecco arrivare violenti temporali, tempeste di polvere e di grandine. Quest’ultima, delle dimensioni superiori a una pallina da golf, si è schiantata contro la Old Parliament House di Canberra e ha abbattuto molti alberi nell’ACT, oltre ad aver danneggiato edifici e automobili rivestendo le strade della capitale di un manto bianco.
    Il Nuovo Galles del Sud è stato invece colpito dalle tempeste di polvere, che hanno reso irriconoscibili alcune aree dove il giorno si è trasformato in notte.

  • avatar
    • 8 mesi fa
    • Darling

    Ciao a tutti. Anch'io ultimamente, come Titta, sto correndo avanti e indietro ma ho seguito i notiziari e mi ha fatto molto male vedere tutto ciò che sta succedendo nella bellissima Australia. Prima il fuoco, poi l'acqua. Scene strazianti di questi poveri animali che cercano di salvarsi e chiedono aiuto ai bordi delle strade. Perchè sono queste le scene più frequenti che si vedono nei notiziari e mi auguro di non doverne vedere mai più. Giusto per essere poco cruenta, mi piacerebbe invece vedere i piromani circondati dalle fiamme che loro stessi hanno messo in atto. Vivo in Sardegna e anche qui questi maledetti, nelle stagioni secche e con il maestrale, innescano gli incendi in contemporanea da più parti e lo fanno in genere di notte, quando gli elicotteri e i Canadair non possono intervenire per ovvie ragioni, mettendo così a rischio le guardie forestali, i vigili del fuoco e i tanti volontari che rischiano la vita per non vedere in fumo la loro terra.

  • avatar
    • 8 mesi fa
    • Boccadirosa

    Chissà se del bush sarà rimasto qualcosa. Sento molta nostalgia e molto rimpianto nelle tue parole Paul Louis, però continuare a sperare di ritornarvi e forse con la tua famiglia non deve cessare di esistere in te.
    Ho trovato una foto di un koala che beve dall'asfalto bagnato di pioggia. Questa foto dice l'enormità della tragedia e la pena che ho nel cuore. Ciao, Paul Louis e buona domenica a tutti

  • avatar
    • 8 mesi fa
    • Paul Louis

    Andai in Australia, Melbourne, molti anni fa ad avviare una cartiera. Due settimane circa. Un dipendente, saputo del mio interesse per questo paese fin da bambino, mi invitò a casa sua per vivere l'Australia "vera", nel Bush. Un personaggio particolare, abbronzato, con capelli e barba lunghi e che girava in fabbrica con pantaloni corti e sfilacciati e un coltellaccio appeso alla cintura; un Robinson Crusoe. Questo signore aveva conosciuto sua moglie (Australiana) a Parigi, aveva visitato Londra, Roma e Madrid. E aveva un abbonamento al teatro di Melbourne. Ma dovetti rientrare per preparare il mio matrimonio e lasciai il Bush, la grande avventura di Cooper's Creek, canguri e koala nel cassetto dei desideri, già stracolma....

  • avatar
    • 8 mesi fa
    • Boccadirosa

    Sospettavo che il Tozzi a cui facevi riferimento Paul Louis fosse l'ospite di Kilimangiaro. Sono riuscita a vedere solo una piccola parte della sua intervista. Grazie.
    Ho saputo che ora i koala sono trascinati nell'acqua dalle piogge torrenziali che si sono abbattute su alcune aree dello stato del Nuovo Galles del Sud e muoiono annegati. Almeno la pioggia serva a spegnere gli incendi. Buona serata a tutti

  • avatar
    • 8 mesi fa
    • Paul Louis

    Buona sera a tutte\i. Tozzi ha fatto una breve sintesi del suo pensiero sul disastro Australiano\Brasiliano\Siberiano a Kilimangiaro domenica pomeriggio (RAI 3(?)). E ha pubblicato diversi libri. Ciao. La primavera s'avvicina.

  • avatar
    • 8 mesi fa
    • Boccadirosa

    Titta, non devi giustificarti, il tempo a nostra disposizione lo utilizziamo come più ci conviene e tu puoi documentarti come meglio credi.
    Mi piacerebbe rispondere a quella persona il cui commento è sparito e che ho fatto in tempo a leggere durante una breve incursione. La violenza chiama violenza e serve solo a peggiorare le cose. I piromani sono conosciuti dalla polizia e sicuramente sono inseriti nel loro database, il difficile è prenderli con le mani nel sacco, anzi con le mani sui loro marchingegni che ormai sono così all'avanguardia (sigh!) che appiccano il fuoco quando i piromani sono ormai molto lontano dalla scena. Ciao a tutti

  • avatar
    • 8 mesi fa
    • Titta

    Boccadirosa,scusa, !a io ho poco tempo per ascoltare i notiziari e documentarmi, ho fatto prima ad aggiornarmi qui , ahahah. Sono sempre in corsa in questo periodo , fuggitiva anche qui.

  • avatar
    • 8 mesi fa
    • Boccadirosa

    Ciao, Titta, quello che abbiamo riportato purtroppo è una tragica realtà che ormai il mondo intero conosce.
    Scusa, Paul Louis, ho letto Pisa invece di Pistoia.

  • avatar
    • 8 mesi fa
    • Titta

    Ciao Boccadirosa :) ciao Paul Louis e ciao Lidia!
    Ho letto i vostri commenti e vi ringrazio Delle notizie che riportate.
    La camera di Pistoia? L'avevo vista tempo fa nel periodo natalizio, bella! Ora vado a cercarla.
    Ciaooo

  • avatar
    • 8 mesi fa
    • Boccadirosa

    Paul Louis, dalle tue parti gli incendi sono devastanti e dalle mie (Genova) sono devastanti le mareggiate che hanno colpito le coste un paio di volte in poco più di un anno. Se qua e in Toscana è il fuoco che distrugge anche le mareggiate avranno ragione delle città. Hanno detto che sarà sempre peggio visto che il riscaldamento ha innalzato il livello dei mari.
    Ho visto Pisa la web mobile ma c'è nebbia e non si vedono le colline e ho cercato Mario Tozzi il geologo a cui ti riferisci ma per ora non ho trovato nulla sulle sue argomentazioni. Grazie lo stesso. Ciao