Garbo, Gozo live webcamVeduta sulla splendida Chiesa parrocchiale di Garbo

Live Webcam
Ospitata da
hosted by

Commenti

  • avatar
    • 3 mesi fa
    • Filippo

    Felice Anno Nuovo a tutti

  • avatar
    • 2 anni fa
    • Elisabeth Farrugia

    Ciao non sapevo che in Italiano si scriva Garbo in Maltese è GHARB perché non lasciare il posti e luoghi nella loro lingua naturale, lo trovo un po' inadatto cambiarli :)

Garbo, Gozo

Grazioso paesino dell'isola di Gozo (Għawdex), Garbo (L-Għarb) ha delle origini antichissime, è estremamente interessante da un punto di vista archeologico, molti reperti hanno rilevato la presenza umana già nell'età neolitica e nell'età del bronzo, già il nome "L-Għarb" è di origine araba e lascia presupporre che il territorio sia stato abitato da una comunità durante l'occupazione araba tra il 870 e il 1090 d.C.; alcune abitazioni infatti presentano ancora una struttura piuttosto rudimentale o i caratteristici balconi in pietra finemente decorati a mano, è possibile inoltre ammirare ancora vecchie stradine in pietra al centro del borgo, tanti vicoletti e casali rustici sparsi di qua e di là.

Għarb, che significa "ovest", sorge appunto nella parte occidentale dell'isola, su uno dei luoghi più panoramici e alti di Gozo, la collina di Ta' Dbiegi; grande importanza ricoprì durante il periodo dei Cavalieri di St. John quando le vedette di Garbo ebbero un ruolo cruciale nell'individuazione dell'avanzata nemica e nella tempestiva segnalazione di questa alla vicina Malta tramite segnali di fumo. Oggi è un posto estremamente tranquillo dove ancora si respira l'atmosfera rurale di un borgo antico, l'economia principale gira intorno all'agricoltura, essendo questa una delle zone più fertili dell'isola, non è raro incontrare abitanti che parlano ancora un antico dialetto maltese quasi scomparso in altre località limitrofe. Anche l'artigianato ricopre un ruolo importante, molti abitanti di Garbo sono infatti abili tessitori, fabbri, falegnami, qui si produce, tra l'altro, il famoso coltello affilato "Sikkina ta 'l-Għarb", un vanto per tutto il territorio; in tal senso tappa fondamentale in un itinerario di visita a Garbo, il Museo del Folklore sito in un elegante palazzo del '700, un posto magico composto da ben 28 sale, davvero entusiasmante per chi desidera curiosare tra i manufatti di antichi mestieri e le tantissime testimonianze che raccontano la tradizione popolare e la storia rurale del territorio. Le sue dimensioni relativamente piccole, se confrontate con posti più grandi, non devono quindi trarre in inganno, Garbo ha un'importanza storico-culturale notevole, inoltre è circondato da una natura rigogliosa e da pezzi importanti di storia, offre le condizioni ottimali per rilassarsi, ed è perfetto per gli amanti di archeologia nonché appassionati di storia e cultura antiche. La sua gente continua a rimanere semplice come un tempo ancora saldamente ancorata ad uno stile di vita tipicamente gozitano che gira intorno alla tradizione, alla religione, alla semplicità.

La Chiesa parrocchiale è senza dubbio una delle attrazioni architettoniche più belle, in stile barocco, fu edificata tra il 1699 e il 1729, è nota come Chiesa della Visitazione di Nostra Signora a S. Elisabetta (Il-Bażilika u Kolleġġjata tal-Viżitazzjoni), dedicata alla visita della Madonna a sua cugina Santa Elisabetta; la chiesa presenta due torri campanarie gemelle, una facciata di raffinata bellezza dove si possono ammirare tre figure femminili, la Fede posta sopra il portone d'ingresso, la Speranza con l'ancora e la Carità poste ai suoi lati, l'interno è altrettanto elegante, meravigliosa la Visitazione e la pala d'altare, omaggio del Grandmaster de Vilhena. Sebbene la festa sia ufficialmente il 31 maggio, le solenni celebrazioni in onore della Madonna avvengono il primo fine settimana di luglio.

Webcam attiva dal: 24/10/2014