Firenze - Ponte Vecchio live webcamMeravigliosa veduta in diretta del Ponte Vecchio, uno dei ponti più famosi e belli del mondo

Ospitata da
hosted by

Commenti

  • avatar
    • 3 mesi fa
    • Giuseppe

    Bello!

  • avatar
    • 4 mesi fa
    • Paulo Antunes

    Uauuuuuuuuuuuuuuuu...Belíssima, maravilhosa!

  • avatar
    • 11 mesi fa
    • Darling

    Per fortuna il livello è sceso!

  • avatar
    • 11 mesi fa
    • Darling

    Arno, non fare brutti scherzi, 50 anni dopo! Corri veloce e lascia perdere Firenze!

  • avatar
    • 11 mesi fa
    • luciano crimi

    Pisa niente?

  • avatar
    • 1 anno fa
    • angelopicone

    sono meravigliosi Dio vi Benedica

  • avatar
    • 2 anni fa
    • Tango

    http://www.ilreporter.it/articolo/120584-tremila-bici-sul-ponte-vecchio-torna-la-granfondo-firenze-de-rosa
    la gara ciclistica passa dal pone vecchio sara' un evento straordinario

  • avatar
    • 2 anni fa
    • lorenzo89

    Mi piacerebbe vedere altre cam sparse per la città più bella d'Italia e del mondo! Firenze!!! E altre sulla qua poco pubblicizzata Toscana!! Grazie!

  • avatar
    • 3 anni fa
    • lory

    firenze...un sogno

  • avatar
    • 3 anni fa
    • contini-sergio

    CHE MERAVIGLIA,,,,,GRAZIEEEEEEEE

  • avatar
    • 3 anni fa
    • pier

    Senza parole.................l immagine dice tutto

  • avatar
    • 3 anni fa
    • Imito Fdez Pedrera

    Que preciosidad,

  • avatar
    • 3 anni fa
    • bruno

    Molto Molto bella!!!!!!!!!!!!!!

  • avatar
    • 3 anni fa
    • Silvestro Migliorini

    ... che voi siate benedetti!

Firenze - Ponte Vecchio

Uno dei simboli di Firenze nel mondo, tanto affascinante quanto antico, Ponte Vecchio è una delle testimonianze più preziose della storia italiana.

Proprio nel punto in cui attraversa il Fiume Arno, un tempo esisteva un guado, almeno fino al secondo decennio del XIII sec. era l'unico ponte ancora in legno e pietra che consentiva di attraversare il fiume, in seguito a violente alluvioni, soprattutto quella terribile del 1333, che lo distrusse completamente, fu ricostruito nel 1345 (forse opera di Taddeo Gaddi o Neri di Fioravante) utilizzando per la prima volta in assoluto gli archi ribassati, fu risparmiato miracolosamente durante la seconda guerra mondiale grazie all'intercessione del tedesco Gerhard Wolf (al quale è dedicata una targa), solo i due ingressi al ponte furono distrutti e ricostruiti a metà secolo, l'intera struttura riuscì comunque a sopravvivere alle violente piene dell'Arno degli anni successivi.

Nel XV sec. il ponte iniziò a popolarsi di botteghe di macellai, riunitisi qui per evitare la diffusione di cattivi odori per le strade, solo nel secolo successivo furono sostituite da attività più vicine alla nobiltà, e quindi da botteghe di orafi e gioiellieri per evitare che l'odore delle carni si spostasse nel soprastante Corridoio Vasariano, un'opera meravigliosa di Giorgio Vasari del 1565, allora appena costruita e commissionata da Cosimo I de' Medici, un tragitto sicuro lungo circa 1 km. che aggiungeva sicuramente prestigio al ponte e che consentiva di collegare la vita politica di Palazzo Vecchio con la vita privata di Palazzo Pitti senza correre i rischi di mescolarsi tra la gente; il corridoio passa dalla Galleria degli Uffizi, costeggia il Lungarno Archibusieri e prosegue sull'Oltrarno fino a Palazzo Pitti; la struttura presenta delle piccole finestre tonde, tipicamente rinascimentali, mentre nel punto centrale del ponte si aprono tre finestroni panoramici di più recente costruzione, che danno direttamente sull'Arno, in direzione del Ponte Santa Trinità; altresì prezioso il busto di Benvenuto Cellini, famoso orafo fiorentino del XVI secolo, realizzato da Raffaello Romanelli ed inaugurato nel 1901, il monumento, con la sua piccola fontanella, domina una delle due terrazze del ponte, nel punto in cui le botteghe si interrompono; altra testimonianza preziosa del ponte medievale è la particolare meridiana a forma di mezzaluna collocata qui forse in occasione della ricostruzione del 1345.

Tre ampi valichi ad arco ribassato sostengono la struttura del ponte, due fila di botteghe artigiane, il cuore pulsante del ponte, son poste ai lati del passaggio principale, le botteghe iniziarono ad assumere l'aspetto attuale solo a partire dal XVIII sec.; ai quattro lati del ponte sorgevano inoltre altrettante torrette di controllo e di difesa, l'unica sopravvissuta ad oggi è la Torre dei Mannelli, l'unica delle quattro che non volle che il corridoio la oltrepassasse, motivo per il quale in questo tratto Vasari si vide costretto a 'spezzarne' il percorso lineare e ad aggirare la torre ponendolo come sospeso su dei beccatelli; l'altra torre presente, la Torre dei Rossi-Cerchi, fu ricostruita in seguito ai bombardamenti.

Fantastici scenari e atmosfere da sogno regala Ponte Vecchio che sia estate o inverno, ma davvero spettacolare si presenta la notte quando il frastuono del giorno si interrompe e si può finalmente godere del dolce scorrere dell'Arno sottostante.

Webcam attiva dal: 29/09/2014